Mercoledì, 11 Dicembre 2019
- - - - - -
  • SCUOLA IN CHIARO
A+ R A-

Giornata della memoria 2016

«Terezín è stata, e lo è ancor di più, per me la scuola della forma.
Fino a quando noi non sentiamo il peso e l’impatto della vita materiale, perché tutto è gommificato dal comfort– questo magico risultato della civiltà – è facileconcepire delle forme artistiche di grande bellezza.
È qui, a Terezín, dove nella vita di tutti i giornidobbiamo vincere

la materia ricorrendo allapotenza della forma e dove tutto ciò che
ha un rapporto con le Muse contrastacosì straordinariamente

con quelloche ci circonda, che troviamola vera scuola dei maestri».
- Viktor Ullmann

                                                                    

Il giorno 24 novembre i ragazzi incontreranno il musicologo, Prof. Raffaele Pellegrino, curatore del libro “La musica a Terezin. 1941- 1945”, per approfondire il ruolo della musica e dell’arte nell’universo concentrazionario, con particolare attenzione al campo di concentramento di Terezin.

 Musica a Terezin

Come fu possibile comporre musica e suonarla in un campo di concentramento? In questo libro J. Karas racconta la lotta quotidiana per l’arte intrapresa, nei tempi più bui del nostro recente passato, da uomini che tentarono di salvaguardare la propria umanità.

 

Dopo Auschwitz, nessuna poesia, nessuna forma d’arte , nessuna affermazione creatrice è più possibile. Il rapporto delle cose non può stabilirsi che un terreno vago, in una specie di no man’s land filosofica” (T. Adorno)

Il giorno 3 febbraio, in relazione alle attività programmate per la Giornata della memoria, gli alunni del triennio accompagnati dai docenti, parteciperanno alla presentazione dei lavori prodotti dai ragazzi (rappresentazioni teatrali ed esecuzioni musicali) relativi all’approfondimento della tematica in oggetto “Musica e Shoah”.

L’incontro si terrà in Auditorium dalle 9.30 alle 12.30.

Dalle ore 8.30 alle ore 9.30, gruppi di classi saranno guidati dai ragazzi della VC per visionare il loro cortometraggio “Il gioco delle parti” realizzato per il concorso “I giovani e la Shoah” e i lavori prodotti dalla Va e Vb linguistico

I ragazzi direttamente coinvolti nelle attività saranno impegnati dalla prima ora.

Musica e Shoah

 

Programma della giornata

Dalle 9.30 alle 10.30: La musica tra propaganda e resistenza spirituale:

                                       La ninna nanna del Fhurer (IIIA classico)

                                       W.Szpilman: Il pianista (III A classico)

                                       Musica a Terezin (III A classico)

                                       E.Lewis: Il tempo di parlare (II A classico e VB scientifico)

                                       La ninna tragica dei bambini (III A classico)

Interventi musicali :

Notturno di Chopin (Roberta Rotolo IA Classico)

Interventi musicali:

Wiegala di Ilse Weber (Martina Lippolis e Daniele Mastrangelo II A Classico,Martina Calabritta, Attilio Magno, Giulia Angelini, IV B Linguistico)

Little star di Noa(Martina Lippolis e Domenico Polito VB scientifico)

Adagio di Schouloff (Nicola Montrone, IA Classico)

Esibizioni per il balletto Coppelia:

Lea De Giorgio(IA Classico), Campanella Vanessa e Salamida Aurora (III C linguistico)

Dalle 10.30 alle 11.30: Peter Pan a Terezin (VA scientifico)

Interventi musicali:

Wiegala Di Ilse Weber

 

Seconda parte

L’Inno alla gioia di Beethoven(IV B linguistico)

Lettura del fregio di Klimt(VBlinguistico)

Gam Gam, canto ebraico (chitarra Pasquale Losavio VC scientifico - Fabio Fraccalvieri e Aldo Brandonisio IV B scientifico - Mattia Genco IV C scientifico – Vito Margaritondo III C scientifico - coro………….

Love rescue me (U2) (chitarra Pasquale Losavio VC scientifico - Fabio Fraccalvieri e Aldo Brandonisio IV B scientifico - Mattia Genco IV C scientifico – Vito Margaritondo III C scientifico – solista Marco Mezzapesa 4 A linguistico).

Dalle ore 12.00 alle 12.30: Musica e catarsi: la tragedia del Titanic.

Introduzione di Marilù Mazzarisi (III C scientifico)

Intervento musicale:

Nearer, My God, to Thee, canto religioso (violoncello Alessia Pipoli – chitarra Vito Margaritondo e Claudia Maggipinto (III C scientifico)